logosito
BRUNO DA SILVA PERES
logosito



Bruno da Silva Peres 2020/2021

16/17
17/18
Bruno Peres da Silva 2016/2017 Bruno Peres da Silva 2017/2018
19/20
Bruno Peres da Silva 2019/2020
San Paolo (Brasile), 01 - 03 - 1990
Esordio in serie A: 21 Settembre 2014, Torino-Hellas Verona 0-1

STAGIONE
SQUADRA
SERIE
PRESENZE
GOL
2010
BRAGANTINO (BRA)
B
6
1
2011
GUARANI (BRA)
B
13
-
2012
Luglio 2012
GUARANI (BRA)
SAN PAOLO (BRA)
B
3
-
A
25
2
2013
SAN PAOLO (BRA)
A
10
1
2014
Settembre 2014
SAN PAOLO
TORINO
A
2
-
A
34
3
2015-2016
TORINO
A
31
3
2016-2017
Agosto 2016
TORINO
ROMA
A
-
-
A
30
2
2017-2018
Luglio 2018
ROMA
SAN PAOLO (BRA)
A
18
-
A
19
1
2019
Settembre 2019
Gennaio 2020
SAN PAOLO (BRA)
RECIFE (BRA)
ROMA
A
-
-
B
1
-
A
16
2
2020-2021
ROMA
A
29
1



STAGIONE
DATA
COMPETIZIONE
PARTITA
GOL
2016-2017
29 Gennaio 2017
Campionato
22 Giornata
Sampdoria - Roma 3-2 0-1
12 Marzo 2017
Campionato
28 Giornata
Palermo - Roma 0-3 0-3
2019-2020
22 Luglio 2020
Campionato
35 Giornata
Spal - Roma 1-6 1-4
1-5
2020-2021
22 Ottobre 2020
Europa League - Girone A
1 Giornata
Young Boys - Roma 1-2 1-1
03 Aprile 2021
Campionato
29 Giornata
Sassuolo - Roma 2-21-2



BIOGRAFIA

Tipico terzino brasiliano, molto fumo e poco arrosto.
Più che terzino, è un'ala votata alla fase offensiva e poco propensa a difendere: viene da molti ricordato soprattutto per un gol nel derby contro la Juventus in cui prende palla al limite della sua area di rigore e percorre tutta la sua fascia di competenza, lasciando i suoi avversari a mangiare la polvere che lui alza mentre corre e scagliando la palla alle spalle di un Buffon incredulo.
La Roma è convinta di aver fatto un colpo, anche se il suo cartellino viene pagato a peso d'oro: purtroppo le aspettative non vengono ripagate.
Anzi, spesso e volentieri si dimostra avulso dal gioco di squadra e la sua scarsa capacità a difendere lo porta ad essere spesso indicato come capro espiatorio per i tanti gol subiti dalla Roma.
La seconda stagione in giallorosso è, se possibile, anche peggiore della prima.
Ma ha un solo grande, enorme merito: quello di essere entrato di diritto tra quelli che hanno mandato la Roma a disputare la sua seconda semifinale di Coppa dei Campioni (Champions League) della sua storia.
Durante la disputa dell'andata degli Ottavi di Finale in casa Sachtar, con la Roma già sotto per 2-1, all'ultimo secondo riesce a deviare quasi miracolosamente un tiro a botta sicura e a porta vuota dell'attaccante ucraino, lasciando così il risultato invariato: nella partita di ritorno i giallorossi riusciranno a superare di misura gli avversari riuscendo a passare il turno propri ograzie a quell'intervento prodigioso. Il prosieguo della competizione, poi, sarà storia.
Bruno Peres invece perderà definitivamente la bussola e si accaserà in prestito prima al San Paolo, di nuovo in patria, dove presto verrà messo ai margini della rosa fino a scivolare in Serie B brasiliana al Recife.
Scaduto il prestito torna alla Roma: in attesa di nuova destinazione, il nuovo tecnico Fonseca decide comunque di provare a recuperarlo: in parte ci riesce, perché Bruno Peres si mette a testa bassa a lavorare, riuscendo alla fine a prendere il posto di Florenzi (che nel frattempo decide di andare a giocare in Spagna) e a disputare ben 16 partite in campionato, suggellate dalla doppietta in casa della Spal.