logosito STAGIONE 2017 - 2018



CAMPIONATO
logosito



ROMA - MILAN

XXVI GIORNATA
25 Febbraio 2018 Ore 20.45



Stadio Olimpico di Roma

Stadio Olimpico di Roma
Capienza: 70.634
Spettatori presenti: 42.537



romacalcio
ROMA
0 - 2

Milan calcio
MILAN



Alisson 6, Bruno Peres 5, Manolas 4,5, Fazio 5, Kolarov 5, Pellegrini 5 (80' Gerson Sv), Strootman 5,5, Nainggolan 4,5 (64' Dzeko 4,5), Under 5,5 (74' Defrel Sv), Schick 5, Perotti 5

All.: Di Francesco
48' Cutrone
74' Calabria

Arbitro: Mazzoleni
Donnarumma G. 6,5, Calabria 7,5, Bonucci 6,5, Romagnoli 7, Rodriguez 6,5, Kessie 7, Biglia 6,5, Bonaventura 6,5 (90' Montolivo Sv), Suso 6,5 (82' Borini Sv), Cutrone 7 (67' Kalinic 6), Calhalanoglu 6

All.: Gattuso
A disposizione:
Skorupski, Lobont, Florenzi, Capradossi, Silva, De Rossi, El Shaarawy
Note:
Ammoniti: -
Angoli: 9-3 per la Roma
Recupero: 1' nel primo tempo, 4' nel secondo tempo
A disposizione:
Donnarumma A., Guarnone, Abate, Zapata C., Gomez, Musacchio, Mauri, Locatelli, André Silva



I RISULTATI DI GIORNATA
Bologna 2 - 0 Genoa
Cagliari 0 - 5 Napoli
Crotone 2 - 3 Spal
Fiorentina 1 - 0 Chievo
Hellas Verona 2 - 1 Torino
Inter 2 - 0 Benevento
Juventus Rinviata Atalanta
Roma 0 - 2 Milan
Sampdoria 2 - 1 Udinese
Sassuolo 0 - 3 Lazio



Juve fermata dalla neve.
Sorpresa Hellas. Il Milan passeggia sulla Roma
CLASSIFICA
Napoli 69
Juventus* 65
Lazio 52
Inter 51
Roma 50
Milan 44
Sampdoria 44
Atalanta* 38
Torino 36
Fiorentina 35
Bologna 33
Udinese 33
Genoa 30
Cagliari 25
Chievo 25
Sassuolos 23
Crotone 21
Spal 20
Hellas Verona 19
Benevento 10


* Juventus e Atalanta una gara in meno
CLASSIFICA MARCATORI
Immobile (Lazio) 23 (7 rig.)
Icardi (Inter) 18 (4 rig.)
Quagliarella (Sampdoria) 17 (6 rig.)
Mertens (Napoli) 15 (4 rig.)
Dybala (Juventus) 14 (1 rig.)
Higuain (Juventus) 14 (1 rig.)



"Corriere dello Sport"

mailRaccontami la tua partita - Mandami una mail con il tuo contributomail

In prima pagina:
I giallorossi si arrendono al Milan (0-2): ora sono quinti. Non si salva nessuno, alla fine arrivano i fischi dei tifosi.
ROMA CHOC. Difra: "Senza personalità". L'ira di Pallotta per la sconfitta.

II pagina:
Il presidente ha visto la partita con il Milan nella villa di Boston e si è letteralmente imbestialisto per la prova della squadra. Serve un cambio di rotta immediato.
FURIA PALLOTTA, ROMA NIENTE SCUSE. La rabbia del presidente. Ma Di Francesco non rischia.
Il tecnico ora è saldo. Però il posto Champions è obbligatorio.

III pagina:
Troppi ko in casa in questa stagione e l'Olimpico non ci sta: alla fine dura contestazione per tutti i giocatori.
PIOVONO FISCHI E CORI. La Sud chiama la squadra ma le norme lo vietano.
Delusione da parte di tutto il pubblioc: così non va.

V pagina:
Il nuovo scivolone adesso preoccupa Di Francesco. La sua analisi è spietata.
"SENZA PERSONALITÀ". "Il 4-2-4 ha favorito il Milan. Non rifarei la scelta".

VII pagina:
Per i giallorossi (fischiati) un pesante stop nella corsa per un posto in Champions.
LA ROMA È AL BUIO, IL MILAN SPLENDE. Cutrone la sblocca, Calabria la chiude. Gattuso passeggia (e spreca) all'Olimpico e va a -6 da DiFra che scivola al 5° posto.
Giallorossi spariti in 4 giorni. Rossoneri spietati.

VIII pagina:
Under poco brillante, Schick a sprazzi, Fazio e Nainggolan sotto tono.
MANOLAS SBAGLIA, DZEKO NON C'È.

XI pagina:
Il difensore argentino analizza la sconfitta con il Milan e cerca di trovare le cause di questo momento no.
"NON MOLLIAMO". Fazio: Dobbiamo crederci, conosco le capacità di questa squadra e ribalteremo la situazione.
"Non penso ad un blocco mentale. Dobbiamo solo lavorare".
I tifosi del Milan
1500 i tifosi rossoneri all'Olimpico

Bandieroni in Curva Sud
La Curva Sud

Nainggolan perde un dente
Nainggolan senza cresta e senza... dente dopo una gomitata di Kessie

Perotti impalpabile
Perotti impalpabile

Il gol di Fazio
Manolas si è fatto sorprendere più volte da Cutrone

Schick titolare
Schick titolare e in campo per 90 minuti. Ma il suo apporto alla causa è minimo

Alisson prova a scuotere i suoi
Alisson prova a scuotere i suoi, ma è tutto inutile

Di Francesco sconcertato
Di Francesco stavolta dice che la colpa della sconfitta è la sua, dando ulteriori alibi ai suoi giocatori


pell