logosito
JOSÈ VALLE ROMÀN
logosito



Josè Valle Buenos Aires (Argentina), 12 - 09 - 1920 / Buenos Aires (Argentina), 16 - 09 - 1997
Esordio in serie A: 14 Settembre 1947, Fiorentina-Roma 1-0

STAGIONE
SQUADRA
SERIE
PRESENZE
GOL
1941
ATLANTA (ARG)
A
?
?
1942
ATLANTA (ARG)
A
?
?
1943
ATLANTA (ARG)
A
?
?
1944
INDEPENDIENTE (ARG)
A
?
?
1945
TEMPERLEY (ARG)
B
?
?
1946
TEMPERLEY (ARG)
B
?
?
1947
TEMPERLEY (ARG)
B
?
?
1947-1948
ROMA
A
26
1
1948-1949
ROMA
A
37
2
1949-1950
ROMA
A
6
-



STAGIONE
DATA
COMPETIZIONE
PARTITA
GOL
1947-1948
27 Maggio 1948
Campionato
36 Giornata
Roma - Alessandria 4-1
2-1
1948-1949
31 Ottobre 1948
Campionato
7 Giornata
Roma - Genoa 1-0
1-0
12 Dicembre 1948
Campionato
15 Giornata
Roma - Novara 4-1 1-1



BIOGRAFIA

Arriva nell'estate del 1947 insieme ai connazionali Pesaola e Perretti, nel quadro di uno dei tanti tentativi fatti oltreoceano dalla dirigenza romanista di rinvigorire, senza dover sostenere grandi spese, una rosa che mostra sempre più chiaramente tutti i suoi limiti.
Purtroppo, i risultati di questi esperimenti, non sono sempre felici, in quanto coi pochi soldi a disposizione è del tutto aleatorio pensare che possano arrivare dei fuoriclasse. Inoltre, gli impresari argentini hanno spesso pochi scrupoli a rifilare patacche paurose e la Roma sembra uno dei loro bersagli preferiti.
Valle è un ottimo centromediano, che però nella sua squadra di club, l'Independiente, si è visto chiudere la strada da Leguizamon, titolare della nazionale albiceleste. Proprio per poter giocare con continuità, arriva alla risoluzione di trasferirsi in Italia, sulle orme dei tanti argentini che ormai da anni hanno intrapreso la strada del Bel Paese in cerca di fortuna.
La Roma di quegli anni, è però poca cosa e ben presto anche lui si perde nel marasma generale ingenerato dal tentativo di passare dal Metodo al Sistema, senza avere i giocatori adatti alla bisogna.
Nel corso di una partita col Grande Torino, per un intero tempo non fa letteralmente toccare palla al grande Valentino Mazzola.
Mentre le squadre stanno rientrando negli spogliatoi, però, il capitano granata sente apprezzamenti nei suoi confronti che non gli fanno molto piacere e decide di fare sul serio.
Nel secondo tempo, la vendetta dei granata e di Valentino, autore di una tripletta, è terrificante: la partita termina 7-1, ma la grande prestazione di Valle in quel primo tempo rimane a testimoniare la sua ottima efficienza.
Sa come tamponare nel modo più adeguato il gioco avversario e far ripartire il proprio e la scuola in cui si è formato si nota tutta. Per due campionati si dimostra il vero perno della squadra, poi nel torneo 1949-50 comincia a sentire i primi segni dell'età che avanza e non riesce più ad assicurare il consueto rendimento.
Termina ben presto fuori dalla rosa titolare e, alla fine dell'anno, riprende la strada di casa lasciando comunque un discreto ricordo, soprattutto se rapportato a quello lasciato da altri argentini in quel lasso di tempo.