logosito
MARIO TONTODONATI
logosito



Mario Tontodonati Scafa (PE), 21 - 08 - 1923 / Fontecchio (AQ) 24 - 06 - 2009
Esordio in serie A: 21 Ottobre 1945, Pescara-Fiorentina 3-0

STAGIONE
SQUADRA
SERIE
PRESENZE
GOL
1939-1940
PESCARA
C
-
-
1940-1941
PESCARA
C
33
12
1941-1942
PESCARA
B
31
12
1942-1943
PESCARA
B
26
7
1945-1946
PESCARA
A
20
10
1946-1947
BARI
A
38
6
1947-1948
BARI
A
39
10
1948-1949
ROMA
A
36
12
1949-1950
ROMA
A
34
10
1950-1951
ROMA
A
20
6



STAGIONE
DATA
COMPETIZIONE
PARTITA
GOL
1948-1949
19 Settembre 1948
Campionato
1 Giornata
Bologna - Roma 1-2
0-1
26 Settembre 1948
Campionato
2 Giornata
Roma - Triestina 4-2 1-0
4-1
24 Ottobre 1948
Campionato
6 Giornata
Bari - Roma 0-4
0-4
14 Novembre 1948
Campionato
10 Giornata
Roma - Sampdoria 2-4
1-4
02 Gennaio 1949
Campionato
18 Giornata
Roma - Atalanta 1-0
1-0
06 Marzo 1949
Campionato
27 Giornata
Roma - Modena 2-1
1-1
2-1
17 Aprile 1949
Campionato
32 Giornata
Roma - Palermo 3-2
1-0
2-0
08 Maggio 1949
Campionato
35 Giornata
Roma - Pro Patria 3-1
2-0
05 Giugno 1949
Campionato
38 Giornata
Roma - Lucchese 3-0
3-0
1949-1950
09 Ottobre 1949
Campionato
5 Giornata
Roma - Bologna 3-1
2-0
3-0
13 Novembre 1949
Campionato
11 Giornata
Roma - Sampdoria 2-1
1-0
2-0
01 Gennaio 1950
Campionato
18 Giornata
Novara - Roma 0-2
0-2
08 Gennaio 1950
Campionato
19 Giornata
Roma - Milan 1-0 1-0
22 Gennaio 1950
Campionato
21 Giornata
Roma - Genoa 3-0 1-0
2-0
07 Maggio 1950
Campionato
35 Giornata
Venezia - Roma 2-1
2-0
21 Marzo 1950
Campionato
37 Giornata
Roma - Novara 2-1 2-1
1950-1951
24 Settembre 1950
Campionato
3 Giornata
Triestina - Roma 4-2
4-2
01 Ottobre 1950
Campionato
4 Giornata
Roma - Padova 5-0
3-0
5-0
12 Novembre 1950
Campionato
10 Giornata
Roma - Como 2-0
1-0
2-0
03 Dicembre 1950
Campionato
13 Giornata
Roma - Atalanta 3-3
2-2



BIOGRAFIA

Ottimo attaccante, ha il solo torto di arrivare alla Roma per sostituire un pezzo di storia giallorossa come Amadei.
Cresciuto nel Pescara, si rivela immediatamente per le doti di finalizzatore, finendo inevitabilmente sui taccuini degli osservatori di molte squadre di categoria superiore. Dopo l'ottimo torneo 1945-46, è il Bari ad aggiudicarselo e le buone cose fatte intravvedere sin dagli esordi coi galletti pugliesi, dimostrano nella maniera più esauriente che la spesa per averlo non è stata azzardata.
Quando Inter e Roma intavolano la clamorosa trattativa che porterà infine Amadei in Lombardia, i giallorossi chiedono come contropartita tecnica proprio l'attaccante di Scafa, oltre a Maestrelli, ritenendolo in grado di sostituire degnamente, per quanto possibile, il Fornaretto.
E in effetti Tontodonati si fa subito valere a Roma, grazie ad un grande coraggio e alle doti acrobatiche, ma il ricordo di Amadei costituirà a lungo un ostacolo per lui. Nelle tre stagioni giocate a Roma, tutte nella massima serie, segna 28 reti, bottino non disprezzabile in una squadra che versa ormai in perenne crisi tecnica, ma il paragone con l'illustre predecessore impedisce di valutare serenamente il suo rendimento.
Insomma, è il classico uomo giusto nel momento sbagliato.
Dopo la retrocessione, Sacerdoti, su consiglio di Gipo Viani, decide di puntare sull'emergente Carletto Galli e lo cede alla Lucchese, dove gioca l'ultima buona stagione della sua carriera, prima di finire nell'anonimato a Torino.