logosito
MIGUEL ANGEL PANTÒ
logosito



Miguel Angel Pantò 1941/1942 Buenos Aires (Argentina), 26 - 11 - 1912 / ?
Esordio in serie A: 17 Settembre 1939, Roma-Bologna 2-0

Campione d'Argentina 1936
Campione d'Italia 1942

STAGIONE
SQUADRA
SERIE
PRESENZE
GOL
1934
PLATENSE (ARG)
B
9
2
1935
SAN LORENZO (ARG)
A
?
?
1936
SAN LORENZO (ARG)
A
?
?
1937
SAN LORENZO (ARG)
A
?
?
1938
SAN LORENZO (ARG)
A
?
?
1939-1940
ROMA
A
29
10
1940-1941
ROMA
A
30
11
1941-1942
ROMA
A
30
12
1942-1943
ROMA
A
30
8
1945-1946
ROMA
A
11
-
1946-1947
ROMA
A
10
-



STAGIONE
DATA
COMPETIZIONE
PARTITA
GOL
1939-1940
17 Settembre 1939
Campionato
1 Giornata
Roma - Bologna 2-0
1-0
15 Ottobre 1939
Campionato
5 Giornata
Roma - Liguria 2-2
2-1
05 Novembre 1939
Campionato
8 Giornata
Roma - Triestina 1-0
1-0
24 Dicembre 1939
Coppa Italia
Sedicesimi di Finale
Roma - Pontedera 6-1
3-1
5-1
6-1
28 Gennaio 1940
Campionato
17 Giornata
Roma - Juventus 3-1
2-0
04 Febbraio 1940
Campionato
18 Giornata
Venezia - Roma 2-2
2-2
11 Febbraio 1940
Campionato
19 Giornata
Roma - Napoli 1-0
1-0
10 Marzo 1940
Campionato
22 Giornata
Roma - Bari 4-2
1-0
19 Maggio 1940
Campionato
28 Giornata
Roma - Milano 3-1
1-0
2-0
02 Giugno 1940
Campionato
30 Giornata
Roma - Novara 3-1
1-0
1940-1941
13 Ottobre 1940
Campionato
2 Giornata
Roma - Torino 4-1
2-0
4-1
10 Novembre 1940
Campionato
6 Giornata
Roma - Milano 1-2
1-2
08 Dicembre 1940
Campionato
9 Giornata
Juventus - Roma 3-1
3-1
12 Gennaio 1941
Campionato
14 Giornata
Roma - Livorno 3-1
1-0
2-0
23 Febbraio 1941
Campionato
20 Giornata
Roma - Bari 6-2
3-1
02 Marzo 1941
Campionato
21 Giornata
Milano - Roma 1-3
1-1
23 Marzo 1941
Campionato
24 Giornata
Roma - Juventus 3-0
3-0
13 Aprile 1941
Campionato
27 Giornata
Novara - Roma 1-1
0-1
20 Aprile 1941
Campionato
28 Giornata
Roma - Ambrosiana Inter 3-0
2-0
11 Maggio 1941
Coppa Italia
Sedicesimi di Finale
Roma - Fanfulla 6-1
2-0
6-1
25 Maggio 1941
Coppa Italia
Quarti di Finale
Roma - Fiorentina 4-1
2-0
01 Giugno 1941
Coppa Italia
Semifinale
Torino - Roma 1-1
0-1
1941-1942
09 Novembre 1941
Campionato
3 Giornata
Roma - Juventus 2-0
2-0
23 Novembre 1941
Campionato
5 Giornata
Fiorentina - Roma 2-2
1-1
07 Dicembre 1941
Campionato
7 Giornata
Atalanta - Roma 2-2
1-1
25 Gennaio 1942
Campionato
14 Giornata
Roma - Livorno 4-0
2-0
15 Marzo 1942
Campionato
20 Giornata
Roma - Fiorentina 1-0
1-0
29 Marzo 1942
Campionato
22 Giornata
Roma - Atalanta 2-0
1-0
2-0
17 Maggio 1942
Campionato
26 Giornata
Roma - Liguria 7-0
7-0
24 Maggio 1942
Campionato
27 Giornata
Lazio - Roma 1-1
0-1
31 Maggio 1942
Campionato
28 Giornata
Roma - Ambrosiana-Inter 6-0
1-0
5-0
7 Giugno 1942
Campionato
29 Giornata
Livorno - Roma 0-2
0-1
1942-1943
11 Ottobre 1942
Campionato
2 Giornata
Vicenza - Roma 1-2
1-1
18 Ottobre 1942
Campionato
3 Giornata
Roma - Milano 1-1
1-1
15 Novembre 1942
Campionato
7 Giornata
Roma - Atalanta 2-1
1-0
22 Novembre 1942
Campionato
8 Giornata
Lazio - Roma 3-1
3-1
03 Gennaio 1943
Campionato
14 Giornata
Genova 1893 - Roma 0-2
0-1
21 Febbraio 1943
Campionato
21 Giornata
Roma - Liguria 5-1
1-0
28 Marzo 1943
Campionato
26 Giornata
Ambrosiana Inter - Roma 0-2
0-1
28 Aprile 1943
Campionato
29 Giornata
Roma - Genova 1893 2-3
1-0



BIOGRAFIA

Arriva a Roma con la nave Oceania, la stessa dalla quale i dirigenti giallorossi prelevano Provvidente, Spitale e Campilongo.
A differenza dei connazionali, però, che non riescono a calarsi nella nuova esperienza, Pantò si adegua subito alla nuova realtà e dimostra di essere un ottimo giocatore, ripagando la fiducia riposta su di lui.
Dotato di grande tecnica, e non può essere altrimenti vista la scuola che lo ha formato, ha forse il vizio di tenere troppo palla e questo fatto, unito ad una tendenza ad infiammarsi facilmente, lo fa diventare un facile bersaglio per i difensori del nostro massimo campionato, già all'epoca adusi ad usare le maniere forti di fronte ai giocatori più difficili da fermare. Pantò però non si fa frenare eccessivamente dalle rudezze e negli anni passati in giallorosso mette in mostra una grande continuità di rendimento che lo fa paragonare al grande Mumo Orsi, anche se non riesce ad arrivare alla maglia azzurra, perlomeno a quella della Nazionale maggiore, in quanto si trova davanti assi come Biavati o Pasinati a sbarrargli la strada.
Alla tecnica di base unisce ottime capacità realizzative, come dimostrano i 41 goal segnati nei quattro tornei disputati nel periodo che precede la guerra.
Oltre alle doti tecniche, dispone di grandi doti umane e di un attaccamento alla maglia a prova di bomba: porta con grande orgoglio la casacca giallorossa e il cappello piumato dei bersaglieri, lo stesso che esibisce insieme ad Amadei, Coscia, Borsetti, Jacobini e Andreoli nel giorno della partita col Modena che consegna il primo scudetto alla Roma.