logosito
FRANCESCO MORIERO
logosito



Francesco Moriero 1996/1997

94/95
95/96
Francesco Moriero 1994/1995 Francesco Moriero 1995/1996
Lecce, 31 - 03 - 1969
Esordio in serie A: 16 Ottobre 1988, Lecce-Napoli 1-0
Nazionale Italiana: 1 presenza

STAGIONE
SQUADRA
SERIE
PRESENZE
GOL
1985-1986
LECCE
A
-
-
1986-1987
LECCE
B
1
-
1987-1988
LECCE
B
35
3
1988-1989
LECCE
A
30
2
1989-1990
LECCE
A
29
1
1990-1991
LECCE
A
27
1
1991-1992
LECCE
B
34
6
1992-1993
CAGLIARI
A
27
4
1993-1994
CAGLIARI
A
27
-
1994-1995
ROMA
A
28
2
1995-1996
ROMA
A
27
3
1996-1997
ROMA
A
21
3



STAGIONE
DATA
COMPETIZIONE
PARTITA
GOL
1994-1995
25 Settembre 1994
Campionato
4 Giornata
Reggiana - Roma 1-4 1-4
06 Novembre 1994
Campionato
9 Giornata
Roma - Napoli 1-1 1-1
1995-1996
12 Settembre 1995
Coppa Uefa
Trentaduesimi di Finale - Andata
Neuchatel Xamax - Roma 1-1 1-1
04 Febbraio 1996
Campionato
20 Giornata
Milan - Roma 3-1 1-1
19 Marzo 1996
Coppa Uefa
Quarti di Finale - Ritorno
Roma - Slavia Praga 2-0 (3-1 dts) 1-0
3-0
06 Aprile 1996
Campionato
29 Giornata
Roma - Udinese 2-1 2-0
28 Aprile 1996
Campionato
32 Giornata
Roma - Juventus 2-2 2-0
1996-1997
12 Gennaio 1997
Campionato
16 Giornata
Roma - Perugia 4-1 2-1
16 Febbraio 1997
Campionato
20 Giornata
Sampdoria - Roma 1-2 0-1
23 Febbraio 1997
Campionato
21 Giornata
Roma - Reggiana 2-2 1-0



BIOGRAFIA

Nato calcisticamente nel Lecce, la squadra della sua cittÓ, Moriero si mette in grande evidenza nelle due annate trascorse al Cagliari, tanto da attirare sulla sua persona le attenzioni di mezza serie A.
La spunta la Roma, che Franco Sensi sta cercando di riportare nelle zone nobili della classifica dopo i disastri dell'era Ciarrapico e Moriero rappresenta uno dei grandi colpi dell'estate 1994, che fanno parlare della squadra affidata a Mazzone come di una Ferrari.
In giallorosso, il tornante leccese conferma le sue grandi doti di vitalitÓ e attitudine alla corsa, anche se non sempre riesce a dar luogo ad un rendimento tecnico all'altezza delle aspettative.
╚ uno dei tanti a pagare la pessima annata 1996-97, quella che vede arrivare sulla panchina della Roma Carlos Bianchi. Nella vera e propria anarchia tecnica e tattica innestata dall'allenatore argentino, Moriero perde rapidamente la bussola e alla fine dell'anno si ritrova in lista di partenza.