logosito
MARQUINHO
MARCO ANTONIO DE MATTOS FILHO
logosito



Marco Antonio de Mattos Filho Marquinho 2013/2014

11/12
12/13
Marco Antonio de Mattos Filho Marquinho 2011/2012 Marco Antonio de Mattos Filho Marquinho 2012/2013
Passo Fundo (Brasile), 03 - 07 - 1986
Esordio in serie A: 19 Febbraio 2012, Roma-Parma 1-0

Campione di Brasile 2010

STAGIONE
SQUADRA
SERIE
PRESENZE
GOL
2007
BOTAFOGO (BRA)
A
5
-
2008
FIGUEIRENSE (BRA)
A
26
5
2009
FLUMINENSE (BRA)
A
31
1
2010
FLUMINENSE (BRA)
A
28
4
2011
FLUMINENSE (BRA)
A
32
4
2012
Gennaio 2012
FLUMINENSE (BRA)
ROMA
A
-
-
A
15
3
2012-2013
ROMA
A
26
4
2013-2014
Gennaio 2014
ROMA
HELLAS VERONA
A
11
-
A
15
2



STAGIONE
DATA
COMPETIZIONE
PARTITA
GOL
2011-2012
01 Aprile 2012
Campionato
30 Giornata
Roma - Novara 5-2 1-1
11 Aprile 2012
Campionato
32 Giornata
Roma - Udinese 3-1 3-1
28 Aprile 2012
Campionato
35 Giornata
Roma - Napoli 2-2 1-0
2012-2013
02 Settembre 2012
Campionato
2 Giornata
Inter - Roma 1-3 1-3
01 Febbraio 2013
Campionato
23 Giornata
Roma - Cagliari 2-4 2-4
24 Febbraio 2013
Campionato
26 Giornata
Atalanta - Roma 2-3 1-1
19 Maggio 2013
Campionato
38 Giornata
Roma - Napoli 2-1 1-0



BIOGRAFIA

La fallimentare stagione di Luis Enrique sulla panchina giallorossa è giunta a metà, e la dirigenza romanista è più che preoccupata.
Walter Sabatini prova a porvi rimedio e dare una mano al tecnico lusitano andando a cercare per il mondo qualche giocatore che possa aiutarlo.
Chissà come e perché trova in Brasile questo più o meno inutile (e soprattutto poco brasiliano) giocatore al Fluminense.
Certo, con la squadra brasiliana ha vinto un campionato in patria, ma il suo curriculum non si presenta pieno di trofei e di mirabili prove.
Ma tant'è, a gennaio 2012 Marquinho si presenta a Trigoria e il suo impatto, nel grigiume generale, non è neanche così male, tanto da riuscirsi a ricavare un discreto spazio e a collezionare 15 presenze (con 3 gol) e a guadagnarsi la conferma per la stagione successiva.
Brasiliano atipico, centrocampista più di rottura che di costruzione, nonostante tutto anche nella sua seconda stagione giallorossa (altra deludente stagione per la Roma), continua a scendere regolarmente in campo, e in molti si chiedono il perché, e a segnare altri 4 reti.
Ma la sua scarsità tecnica e inutilità tattica alla fine escono prepotentemente fuori, e la dirigenza giallorossa finalmente si convince a fargli cambiare aria.