logosito
ALEKSANDAR KOLAROV
logosito



Aleksandar Kolarov 2017/2018

17/18
Aleksandar Kolarov 2017/2018
Belgrado (Jugoslavia), 10 - 11 - 1985
Esordio in serie A: 25 Agosto 2007, Lazio-Torino 2-2
Nazionale Serba: 79 presenze e 11 reti

Campione d'Inghilterra 2012 - 2014
Vincitore della Coppa d'Inghilterra 2011
Vincitore della Community Shield 2012
Vincitore della Coppa di Lega 2014 - 2016
Vincitore della Coppa Italia 2009
Vincitore della Supercoppa Italiana 2009

STAGIONE
SQUADRA
SERIE
PRESENZE
GOL
2004-2005
CUKARICKI STANKOM (SER-MON)
A
27
2
2005-2006
Gennaio 2006
CUKARICKI STANKOM (SER-MON)
OFK BEOGRAD (SER-MON)
B
17
-
A
11
1
2006-2007
OFK BEOGRAD (SER)
A
27
4
2007-2008
LAZIO
A
24
1
2008-2009
LAZIO
A
25
2
2009-2010
LAZIO
A
33
3
2010-2011
MANCHESTER CITY (ING)
A
24
1
2011-2012
MANCHESTER CITY (ING)
A
12
2
2012-2013
MANCHESTER CITY (ING)
A
20
1
2013-2014
MANCHESTER CITY (ING)
A
30
1
2014-2015
MANCHESTER CITY (ING)
A
21
2
2015-2016
MANCHESTER CITY (ING)
A
29
3
2016-2017
MANCHESTER CITY (ING)
A
29
1
2017-2018
Luglio 2017
MANCHESTER CITY (ING)
A
-
-
ROMA
A
35
2
2018-2019
ROMA
A
1
-



STAGIONE
DATA
COMPETIZIONE
PARTITA
GOL
2017-2018
20 Agosto 2017
Campionato
1 Giornata
Atalanta - Roma 0-1 0-1
18 Ottobre 2017
Champions League
Girone C - 3 Giornata
Chelsea - Roma 3-3 2-1
22 Ottobre 2017
Campionato
9 Giornata
Torino - Roma 0-1 0-1



BIOGRAFIA

Terzino sinistro di indubbie qualitÓ tecniche.
Con il suo acquisto la Roma spera di ripetere (e anche migliorare) la scelta che fece qualche anno prima quando and˛ a prendere, sempre in Premier League, il terzino brasiliano Maicon, ottimo giocatore ma giÓ in lÓ con gli anni.
Al Manchester City Kolarov pare aver fatto il suo tempo e la Roma sta sistemando le sue fasce difensive con l'acquisto di Karsdorp sulla destra e lui, appunto, sulla sinistra.
Nessuno mette in dubbio le sue qualitÓ, anche se l'etÓ comincia ad avere il suo peso, ma in molti non gli perdonano il suo passato sull'altra sponda del Tevere, anni in cui segn˛ anche un gol alla stessa Roma nel derby finito 4-2 per la Lazio.
Lui non si scompone, e anzi alla prima uscita ufficiale stagionale, contro l'Atalanta, si presenta ai suoi nuovi tifosi con il gol vittoria sul campo bergamasco.
Arrivato come giocatore da alternare ad un altro esterno sinistro, si ritrova come unico giocatore di ruolo e per cui gioca l'intera stagione, calando inevitabilmente un po' nel rendimento a lungo andare, ma senza mai tirarsi indietro e dando sempre il suo alla causa.