logosito
FRANCESCO GRAZIANI
logosito



Francesco Graziani 1985/1986

83/84
84/85
Francesco Graziani 1983/1984 Francesco Graziani 1984/1985
Subiaco (RM), 16 - 12 - 1952
Esordio in serie A: 18 Novembre 1973, Sampdoria-Torino 1-1
Nazionale Italiana: 64 presenze e 23 reti

Campione d'Italia 1976
Vincitore della Coppa Italia 1984 - 1986

Capocannoniere serie A 1977

Campione del mondo 1982

STAGIONE
SQUADRA
SERIE
PRESENZE
GOL
1970-1971
AREZZO
B
2
-
1971-1972
AREZZO
B
12
2
1972-1973
AREZZO
B
34
9
1973-1974
TORINO
A
22
7
1974-1975
TORINO
A
30
11
1975-1976
TORINO
A
28
15
1976-1977
TORINO
A
30
21
1977-1978
TORINO
A
29
11
1978-1979
TORINO
A
23
9
1979-1980
TORINO
A
30
12
1980-1981
TORINO
A
29
11
1981-1982
FIORENTINA
A
29
9
1982-1983
FIORENTINA
A
23
5
1983-1984
ROMA
A
24
5
1984-1985
ROMA
A
19
2
1985-1986
ROMA
A
14
5



STAGIONE
DATA
COMPETIZIONE
PARTITA
GOL
1983-1984
31 Agosto 1983
Coppa Italia
Girone 5 - 4 Giornata
Roma - Padova 4-2
2-1
18 Settembre 1983
Campionato
2 Giornata
Sampdoria - Roma 1-2 1-2
30 Ottobre 1983
Campionato
7 Giornata
Roma - Napoli 5-1 1-0
02 Novembre 1983
Coppa dei Campioni
Sedicesimi di Finale - Ritorno
Roma - CSKA Sofia 1-0 1-0
08 Febbraio 1984
Coppa Italia
Ottavi di Finale - Andata
Roma - Reggiana 2-0
2-0
19 Febbraio 1984
Campionato
20 Giornata
Genoa - Roma 0-2 0-1
0-2
11 Marzo 1984
Campionato
22 Giornata
Napoli - Roma 1-2 0-1
1984-1985
02 Settembre 1984
Coppa Italia
Girone 3 - 4 Giornata
Roma - Genoa 3-0 1-0
3-0
19 Settembre 1984
Coppa delle Coppe
Sedicesimi di Finale - Andata
Roma - Steaua Bucuresti 1-0 1-0
07 Novembre 1984
Coppa delle Coppe
Ottavi di Finale - Ritorno
Wrexham - Roma 0-1 0-1
02 Dicembre 1984
Campionato
11 Giornata
Roma - Udinese 2-1 2-1
14 Aprile 1985
Campionato
25 Giornata
Roma - Ascoli 3-1 1-0
1985-1986
12 Febbraio 1986
Coppa Italia
Ottavi di Finale - Ritorno
Atalanta - Roma 2-1 0-1
02 Marzo 1986
Campionato
23 Giornata
Roma - Inter 3-1 1-0
2-0
16 Marzo 1986
Campionato
25 Giornata
Roma - Juventus 3-0 1-0
06 Aprile 1986
Campionato
27 Giornata
Roma - Sampdoria 1-0 1-0
20 Aprile 1986
Campionato
29 Giornata
Roma - Lecce 2-3 1-0



BIOGRAFIA

"Il generoso", così è rimasto noto Ciccio Graziani alla grande massa degli sportivi.
È un soprannome molto limitativo, però. Il forte attaccante sublacense è infatti un giocatore a tutto tondo, capace di fungere da ariete, grazie ad un fisico da granatiere, ma anche come giocatore di manovra, grazie a doti tecniche e tattiche non indifferenti.
Formatosi nell'Arezzo, è chiamato a Torino nell'estate del 1973 e, coi granata, dimostra subito di non soffrire il salto di categoria. Con Paolino Pulici forma una coppia devastante, i cosiddetti "Gemelli del goal", che col supporto di Claudio Sala diventa ben presto impossibile da fermare. Se ne giova il Torino di Radice, che dopo quasi tre decenni dalla sciagura di Superga, vede il proprio vessillo tornare sul pennone più alto.
Anche in Nazionale, Graziani si ritaglia un posto importante, anche se l'esplosione di Paolo Rossi lo priva della possibilità di giocare da titolare ai mondiali del 1978 in Argentina. Graziani si rifà quattro anni dopo, quando il suo dinamismo e la capacità di aprire spazi ai compagni gli fanno guadagnare la stima di Bearzot, il quale lo schiera da titolare indiscusso nella felice spedizione spagnola che frutterà a sorpresa il terzo titolo mondiale agli azzurri.
Nel frattempo, Graziani è passato alla Fiorentina. Pianelli non ha potuto resistere alla grandinata di milioni messigli a disposizione dall'omologo fiorentino Pontello e lui passa in viola, ove le sue medie realizzative si appannano non poco.
Proprio questo è il motivo per il quale i gigliati cedono alle lusinghe di Viola nell'estate del 1983.
La Roma, che ha appena vinto lo scudetto, è alla ricerca di giocatori di spessore internazionale in vista dell'assalto alla Coppa dei Campioni che fa seguito alla conquista dello scudetto, e Graziani sembra proprio l'uomo giusto.
In effetti, lui si fa sempre trovare pronto e forma una ottima coppia di attacco col bomber Pruzzo, ma ha il grande torto di sbagliare il rigore decisivo nella sfortunata finale di Roma con il Liverpool.
Nessuno, comunque, gli farà mai pesare quell'errore e Graziani gioca ancora un paio di stagioni, con l'immutabile generosità che lo distingue, per poi passare ad Udine, ove chiude degnamente una grande carriera.