logosito STAGIONE 1996 - 1997



CAMPIONATO
logosito



ROMA - ATALANTA

XIV GIORNATA
22 Dicembre 1996 ORE 14.30



romacalcio
ROMA
0 - 2

atalantacalcio
ATALANTA



Sterchele 6,5, Aldair 6, Petruzzi 5, Lanna 5, Tommasi 4, Statuto 5 (46' Fonseca 5), Thern 6, Carboni 6, Moriero 4, Balbo 5, Delvecchio 6

All.: Bianchi
30' Lanna (aut.)
36' Inzaghi

Arbitro: Rodomonti
Espulso: 90' Lentini per doppia ammonizione
Pinato 7,5, Carrera 7,5, Herrera 6, Sottil 6,5, Rustico 6,5, Mirkovic 6, Sgrò 7, Gallo 6,5 (87' Rotella Sv), Morfeo 6,5 (77' Fortunato Sv), Lentini 6,5, Inzaghi 7

All.: Mondonico
A disposizione:
Berti, Annoni, Bernardini, Romondini, Conti D.

A disposizione:
Micillo, Persson, Magallanes, Pisani, Marcandalli



I RISULTATI DI GIORNATA

CLASSIFICA
Bologna 0 - 0 Perugia
Juventus 29
Fiorentina 2 - 0 Cagliari
Bologna 23
Milan 0 - 1 Parma
Napoli 23
Napoli 1 - 0 Lazio
Vicenza 23
Piacenza 1 - 1 Juventus
Inter 22
Reggiana 1 - 1 Inter
Sampdoria 22
Roma 0 - 2 Atalanta
Fiorentina 21
Sampdoria 2 - 1 Vicenza
Milan 21
Verona 3 - 2 Udinese
Roma 20




Lazio 19




Parma 18




Udinese 18




Atalanta 17




Perugia 17




Piacenza 17




Verona 12




Cagliari 11




Reggiana 6



"Corriere dello Sport"

In prima pagina:
ROMA, ORA BASTA. Due pali e due traverse fermano la squadra di Bianchi, ma l’Atalanta è più concreta. Autogol di Lanna, poi il crollo ed il capolavoro di Inzaghi.

XII pagina:
Autogol di Lanna e sigillo di Inzaghi (a quota 11). Per la Roma pali, traverse e tanta confusione.
BIANCHI, VISTO MONDONICO? Atalanta concreta, la Roma fa fumo e piace solo per mezz’ora.

XIV pagina:
Ha visto bel gioco, chiede fiducia: Farò il possibile fino al ’98, se non mi mandano via prima.
BIANCHI: ALTRA OCCASIONE PERSA. “Noi siamo stati superiori in tutto, soltanto il risultato è stato negativo”.

XV pagina:
Se la prende con la sfortuna e con l’ingenuità difensiva, ma sta pensando già all’Inter.
DELVECCHIO: CHE BRUTTO NATALE. “In campo con l’influenza, ho finito la gara con la febbre altissima”.




La Partita

Non è partita male la Roma in questa partita, ma come ormai succede da troppe domeniche dopo essere passata in svantaggio, non riesce più a risalire la cima, anzi perde completamente la bussola e sbanda clamorosamente rischiando il tracollo.
Eppure mi ripeto, non era partita male, la prima mezz'ora è stata una grande mezz'ora, con una sola squadra in campo con un Thern gestore del centrocampo che riusciva anche a far minimizzare le lacune clamorose che Tommasi veniva a creare; ma al primo affondo l'Atalanta passa grazie ad un tiro di Sgrò che Lanna devia spiazzando Sterchele.
A questo punto tutto quello che di bello si era visto, scompare immediatamente, la paura prende il sopravvento sulla ragione e ricompaiono i lancioni lunghi che non si erano ancora visti; poche palle giocabili per le punte, il centrocampo che comincia a vacillare come spostato da delle folate di bora, il nostro Carlos "Galbusera" Bianchi che non fa assolutamente nulla per evitare la sconfitta se non inserire un fumoso Fonseca per un inutile Statuto e resta a guardare la partita come se niente fosse.
A dieci minuti dalla fine però Inzaghi con un gran gol gli ricorda che sta allenando una squadra di pallone, ma ormai è troppo tardi per cercare di rimediare e i fischi impietosi e giusti dei tifosi cominciano a farsi sentire fino alla fine, quando sommergono la squadra che alla fine della partita scende a testa bassa negli spogliatoi.
Ma Bianchi ha visto un bel gioco...


c='" + gaJsHost + "google-analytics.com/ga.js' type='text/javascript'%3E%3C/script%3E"));