logosito STAGIONE 1996 - 1997



CAMPIONATO
logosito



PARMA - ROMA

X GIORNATA
24 Novembre 1996 ORE 14.30



parmacalcio
PARMA
0 - 0

romacalcio
ROMA



Buffon 6, Ze Maria 6,5, Thuram 5,5, Cannavaro 6, Mussi 6, Strada 5,5, Sensini 6, Bravo 5,5 (46’ Amaral 5,5), Baggio D. 6, Chiesa 5,5 (90’ Brambilla Sv), Crespo 5 (46’ Melli 6)

All.: Ancelotti
Arbitro: Pellegrino
Sterchele 6,5, Aldair 6, Petruzzi 6, Lanna 5,5,Tommasi 6, Statuto 6,5, Di Biagio 6, Bernardini 6 (90’ Conti D. Sv), Carboni 5,5, Balbo 6, Delvecchio 5,5

All.: Bianchi
A disposizione:
Bucci, Apolloni, Minotti

A disposizione:
Berti, Annoni, Cappioli, Romondini, Totti



I RISULTATI DI GIORNATA

CLASSIFICA
Bologna 3 - 1 Atalanta
Vicenza 20
Cagliari 1 - 1 Napoli
Bologna 19
Fiorentina 1 - 1 Piacenza
Inter 19
Lazio 1 - 1 Sampdoria
Juventus 19
Milan 1 - 1 Inter
Napoli 16
Parma 0 - 0 Roma
Milan 15
Perugia 3 - 1 Verona
Perugia 15
Udinese 1 - 4 Juventus
Roma 15
Vicenza 2 - 0 Reggiana
Sampdoria 15




Fiorentina 14




Parma 13




Lazio 12




Piacenza 12




Udinese 12




Atalanta 9




Cagliari 8




Verona 8




Reggiana 4



"Corriere dello Sport"

In prima pagina:
LA ROMA FUNZIONA. Controlla bene il Parma, protesta per un rigore negato e festeggia il figlio di Conti: debutto in A.

X pagina:
Molto pressing, tanti raddoppi, poche emozioni: nel finale Thuram sciupa a porta vuota.
PARMA PROTESTA, ROMA RIDE. Ancellotti reclama due rigori, festosa invasione di un tifoso giallorosso.

XI pagina:
Tre minuti, un esordio importante. E negli spogliatoi il pianto di papà Bruno al telefono.
DANIELE CONTI, CUORE IN GOLA. “Quando Bianchi mi ha detto di entrare in campo non ho capito più niente”.




La Partita

La Roma funziona? Ma siamo impazziti? Cioè, vogliamo dire che contro il Parma la Roma ha giocato bene?
Ok, se vogliamo che la gente creda questo, diciamolo pure, diciamo che la Roma vista a Parma è stata la migliore di ogni tempo, un gioco mai visto prima con 200 palle gol, con degli schemi studiati nei minimi particolari in allenamento e a tavolino. Diciamolo e facciamo contenti quei tifosi che non sono andati in trasferta a vedere uno SQUALLORE mai visto prima.
La verità è che Bianchi negli spogliatoi ha spostato i pedoni, ha tolto l'alfiere ed il cavallo e ha fatto il più classico degli arrocchi, peccato che quello però è un altro sport.
In questo sport, invece, si dovrebbe scendere in campo e cercare non dico di vincere la partita, ma almeno giocare a pallone, perché non è possibile che una squadra come la Roma nell'arco di tutta la partita non sia riuscita a fare neanche un tiro in porta e sull'unica incursione offensiva Statuto è stato atterrato in area.
Certo, ora attacchiamoci come sempre al fatto che gli arbitri ce l'hanno con noi, che non ci danno un rigore neanche se ci sparano, certo, diciamo così, almeno i tifosi saranno calmi per un pò e non si accorgeranno invece che in campo sono scese 22 persone che passeggiavano e si scambiavano saluti amichevoli.
Già, perché anche il Parma non è che abbia fatto chissà che cosa, anche i gialloblu hanno creato una sola occasione da gol al 92' su cui peraltro Thuram ha sbagliato malamente.
In pratica per capire come è andata la partita, basta dire che il momento più emozionante è stato quando al 93' un tifoso giallorosso ha invaso il campo ed è andato a chiedere (in modo molto cordiale, tra l'altro) di fare almeno un tiro in porta a propri beniamini: più di così...
Ha esordito in serie A il giovane Daniele Conti, figlio del grande Bruno: tanti auguri a lui e speriamo che ci faccia sognare come ai tempi del padre.


c='" + gaJsHost + "google-analytics.com/ga.js' type='text/javascript'%3E%3C/script%3E"));