logosito STAGIONE 1995 - 1996



COPPA UEFA
logosito



ROMA - EENDRACHT ALLST

SEDICESIMI DI FINALE
-ANDATA-
17 Ottobre 1995 ORE 20.30



romacalcio
ROMA
4 - 0

Eendracht Aalst
EENDRACHT AALST



Cervone 6,5, Aldair 6,5, Lanna 6 (75' Cherubini Sv), Cappioli 6,5, Petruzzi 6, Statuto 6, Moriero 6,5, Scarchilli 6 (46' Annoni 6), Balbo 6,5, Giannini 6,5, Branca 6 (61' Totti 7)

All.: Mazzone

Arbitro: Varga (UNG)
Van Steenberghe 6, Lamberg 5 (32' De Meyst 5), De Vleeschauwer 5, Okpara 6, Van Riel 5,5, Van der Hoorn 5, Meyssen 5,5, Temmermann 5, Vaan Ankeren 5, Van der Haeghe 5 (78' De Meersan Sv), Paas 5 (67' Benali Sv)

All.: Coulemans
A disposizione:
Sterchele, Di Biagio
Note:
-
A disposizione:
Vaesen, Arnaud



IL TABELLONE















SEDICESIMI DI FINALE OTTAVI DI FINALE QUARTI DI FINALE SEMIFINALE FINALE
















A.
R.












1. FC Kaiserslautern
1













Real Betis
3


A.
R.
























FC Lugano
1

 










Slavia Praha
2





A.
R.





















Sparta Praha
4




 







Zimbru Chisinau
3




























AJ Auxerre
0

 










Nottingham Forest
1








A.
R.


















Roma
4













Eendracht Aalst
0




























Broendby
0

 










Liverpool
0




























Barcelona
3




 







Vitoria
0




























Chornomorets Odessa
0

 










Racing Club de Lens
0











A.
R.















Girondins de Bordeaux
2













Rotor Volgograd
1




























Leeds United
3

 










PSV Eindhoven
5




























Olympique Lyonnais
2




 







Lazio
1




























Raith Rovers
0

 










Bayern Munchen
2




























Strasbourg
1













Milan
3




























Sevilla
1

 










Olympiacos
0




























Sport Lisboa e Benfica
1




 







Roda
0




























Werder Bremen
5

 










Dinamo Minsk
0
















La Partita

Neanche ventimila spettatori per questa partita di andata del secondo turno di Coppa Uefa, presenza (o meglio, assenza) che non si può semplicemente giustificare con la scarsa consistenza della squadra avversaria che sicuramente ha avuto il suo contributo in negativo per lo spettacolo, ma la vera causa è da ricercarsi nello scarso rendimento dei giallorossi in campionato che domenica passata hanno racimolato solamente un punto sul campo del disastrato Torino e che ha visto la Roma troppo spesso perdersi in un bicchiere d'acqua al momento del dunque.
Visione totalmente diversa per i sostenitori bianconeri della squadra belga che arrivata a questo punto della competizione e vedendosi con nulla da perdere contro la più quotata squadra capitolina, ha cercato di fare quello che ha potuto ringraziando ugualmente i propri numerosi tifosi.
Mazzone manda in campo dal primo minuto Scarchilli (usato molto poco fino a questo momento della stagione) e Moriero i quali si sono poi rivelati i protagonisti della partita.
Già al 6' la Roma chiude i conti contro i volenterosi avversari: Moriero prende una corta respinta della difesa bianconera su un calcio d'angolo e fa partire una grande botta che, grazie anche alla complicità di un centrocampista belga (Van der Haeghe) va ad infilarsi in rete. Da questo momento, salvo per qualche piccolo ritorno di fiamma dell'Aalst, è solo un monologo giallorosso.
Al 14' Statuto scende sulla fascia e serve al centro Branca che però calcia molto debolmente facilitando la parata al portiere avversario.
Tre minuti più tardi Paas lascia di sasso lo stesso Statuto ma non riesce ad evitare il ritorno di Petruzzi.
La partita non è spettacolare e vive di molti momenti di stanca nei quali i tifosi giallorossi fanno notare la loro disapprovazione con dei sonori fischi.
Al 33' Branca fa il velo per l'accorrente Balbo, ma il tiro del centravanti è fiacco e centrale.
Poco più tardi ancora Branca serve Giannini, il tiro al volo del capitano va a lato di poco.
Allo scadere l'episodio che forse fa cambiare la partita: siamo al 45' l'Aalst batte un calcio d'angolo ma la difesa giallorossa è veloce a riproporre il contropiede, Giannini lancia Branca, il giallorosso in corsa controlla male ma riesce ugualmente a servire dall'altra parte l'accorrente Moriero perchè la difesa bianconera era completamente inesistente spostatasi tutta in avanti, il laterale della Roma però è in ritardo e non trova il tempo per tirare.
La Curva Sud si imbestialisce e accompagna fin sotto gli spogliatoi la squadra facendo temere nella ripresa una durissima contestazione che per fortuna non c'è stata.
Contestazione sventata anche perché al rientro la Roma trova immediatamente il gol, anche questa volta al 6': Statuto serve Cappioli in area che tenta la battuta al volo, il pallone viene toccato quel tanto che basta da Van de Hoorn per infilarsi sotto il sette e mettere fuori causa il portiere avversario.
La squadra belga cerca di reagire ma il massimo che riesce a produrresono 10 minuti di spinta in avanti concretizzati in due occasioni sventate molto bene da Cervone.
Non poteva mancare il sigillo sulla partita del bomber giallorosso: al 69' Giannini serve in area Balbo , facile liberarsi di un avversario e battere a colpo sicuro. Intanto al posto di Branca era entrato Totti che al 77' regala al pubblico un pezzo di rara bravura che da solo vale il prezzo del biglietto: il giovane attaccante giallorosso entra in area, mette a terra un avversario con una finta, ne mette a terra un altro, elude ancora un terzo avversario e infine insacca sul primo palo della porta di un incredulo Van Steenberghe.
Di qui al termine i fischi che avevano accompagnato i giocatori negli spogliatoi alla fine del primo tempo si tramutano in scroscianti applausi.