logosito STAGIONE 1994 - 1995



CAMPIONATO
logosito



ROMA - CREMONESE

XVII GIORNATA
22 Gennaio 1995



romacalcio
ROMA
1 - 1

cremonesecalcio
CREMoneSE



Lorieri 5, Annoni 5,5 (58' Piacentini 5,5), Lanna 6 (81' Benedetti Sv), Statuto 6, Aldair 5,5, Carboni 6,5, Moriero 6, Cappioli 5,5, Balbo 5, Giannini 6,5, Fonseca 6,5

All.: Mazzone
39' Chiesa
63' Lanna

Arbitro: Bettin
Turci 6, Garzya 6, Milanese 6, Pedroni 6 (63' Cristiani 6), Dall'Igna 6,5, Verdelli 6, Ferraroni 6 (26' Nicolini 6), Giandebiaggi 6, Pirri A. 6, Chiesa 7, Tentoni 6

All.: Simoni
A disposizione:
Di Magno, Colonnese, Mazzoni

A disposizione:
Razzetti, Gualco, Sclosa



I RISULTATI DI GIORNATA

CLASSIFICA
Brescia 0 - 1 Lazio
Juventus* 36
Cagliari 3 - 0 Juventus
Parma 35
Foggia 1 - 0 Reggiana
Lazio 31
Milan 2 - 0 Fiorentina
Milan 28
Padova 1 - 0 Inter
Roma 28
Parma 2 - 0 Napoli
Fiorentina 27
Roma 1 - 1 Cremonese
Sampdoria 25
Sampdoria 1 - 1 Bari
Foggia 24
Torino 0 - 0 Genoa
Bari 23




Cagliari 22




Inter 21




Torino* 20




Napoli 18




Cremonese 17




Genoa 17




Padova 17




Reggiana 12




Brescia 9










* Juventus e Torino una partita in meno.







"Corriere dello Sport"

In prima pagina:
ROMA SCIVOLA E PERDE L'OCCASIONISSIMA.Un gol di Chiesa, complice Lorieri, costringe i giallorossi (giù di tono) ad inseguire. Di Lanna il pareggio.

VIII pagina:
LA ROMA PERDE IL PULLMAN. Giallorossi in tono minore contro una Cremonese che risparmia sul viaggio aereo ma corre in campo.

Inserto Roma&Lazio:
GIANNINI: IN TESTA AVEVAMO LA JUVE. "Nel primo tempo eravamo molto distratti, demoralizzati, il pensiero correva a Torino, così la Cremonese ne ha approfittato. Il pari è giusto".
"Basta con la parola scudetto: da quando l'abbiamo nominata c'è stata una sconfitta ed un pareggio. Ora è importante ritrovarci mentalmente".
articolo

Marco Lanna
Marco Lanna esulta dopo il gol del pareggio giallorosso



La Partita

Una Roma con ancora in testa la Juve si complica la vita da sola, pareggiando contro una chiusissima Cremonese e perdendo una grande occasione di avvicinamento alla vetta e uscendo per la prima volta dallo stadio accompagnata da qualche fischio.
La partita è stata bruttina, con i giallorossi che tentavano dei cross dalla trequarti, come lo scorso anno e che raramente si affacciavano dalle parti di Turci.
In porta c'era l'esordio dal primo minuto di Fabrizio Lorieri che ha svolto solo la normale amministrazione ma è stato colto impreparato al momento del gol.
Già in precedenza la Cremonese si era resa pericolosa con Giandebiaggi che, partito da metà campo, arriva fino in area umiliando Aldair e Annoni e cogliendo il palo con Lorieri in uscita.
I giallorossi non si scuotono neanche con questo campanello d'allarme e subiscono il gol da parte di Chiesa che tira dalla distanza cogliendo Lorieri fuori dai pali.
Nella ripresa i giocatori della Roma cercano di reagire prima in modo sterile, trovando però il pareggio con Lanna che corregge di tacco un calcio d'angolo, poi verso il finale sempre più in modo tenace creando dei problemi a Turci che deve compiere una serie di miracoli su Balbo, Fonseca e Cappioli.

Il Protagonista

Da "LA ROMA" mensile di attualità sportiva.

Le valutazioni più disparate per raccontare la sua prova.
Ma, se non altro, Marco Lanna ha avuto il merito di farsi trovare pronto a scaricare il suo "piattone" destro nella rete di Turci, erettosi fino ad allora ad autentico baluardo della sua porta.
Messo fuori gioco dalla squalifica, il difensore non aveva potuto partecipare alla trasferta di Torino. E pensare che in quella bolgia il suo apporto avrebbe potuto essere determinante giacchè quando c'è da lottare, il nostro non tira mai indietro le caviglie.
Anzi, la lotta lo esalta, ne evidenzia le potenti caratteristiche fisiche, gli mette addosso i panni del gladiatore. Ed ora che Lanna s'è completamente integrato col gruppo (ricordate le difficoltà nella passata stagione quando non riusciva a sentirsi romano?) lo spirito testaccino, non gli fa difetto. Per carità, ha sbagliato qualcosa anche lui, ma quel tiro rabbioso ha scacciato le streghe.