logosito STAGIONE 1994 - 1995



CAMPIONATO
logosito



ROMA - PADOVA

XII GIORNATA
04 Dicembre 1994



romacalcio
ROMA
2 - 0

padovacalcio
PADOVA



Cervone Sv, Aldair 7,5, Lanna 6,5, Piacentini 6,5 (78' Annoni Sv), Petruzzi 7, Carboni 6, Moriero 6,5 (88' Totti Sv), Cappioli 6,5, Balbo 6, Giannini 7, Fonseca 6

All.: Mazzone
65' Aldair
82' Cappioli

Arbitro: Treossi
Bonaiuti 5,5, Balleri 5,5 (82' Galderisi Sv), Gabrieli 5,5, Franceschetti 6,5, Rosa 6, Lalas 6, Kreek 5, Nunziata 6 (69' Cavezzi Sv), Vlaovic 5,5, Longhi 6, Maniero 5

All.: Sandreani
A disposizione:
Lorieri, Benedetti, Maini

A disposizione:
Dal Bianco, Zattarin, Coppola



I RISULTATI DI GIORNATA

CLASSIFICA
Bari 2 - 1 Foggia
Parma 27
Cagliari 1 - 1 Lazio
Juventus* 26
Cremonese 0 - 1 Inter
Roma 23
Juventus 3 - 2 Fiorentina
Bari 22
Milan Rinviata 11/1 Reggiana
Fiorentina 22
Napoli 1 - 1 Torino
Lazio 22
Parma 4 - 0 Brescia
Cagliari 17
Roma 2 - 0 Padova
Foggia 17
Sampdoria 3 - 2 Genoa
Inter 17




Sampdoria 17




Milan* 13




Cremonese 12




Napoli 12




Torino* 12




Genoa 11




Padova 8




Brescia 3




Reggiana* 3










* Juventus e Reggiana una partita in meno.
Torino e Milan due partite in meno.







"Corriere dello Sport"

In prima pagina:
FATE LARGO A ROMA E LAZIO. Aldair e Cappioli: gol, sorpasso e terzo posto. E domenica sfida la Fiorentina.

II pagina:
LA ROMA RISALE SUL PODIO. Con i gol di Aldair e Cappioli piega la strenua resistenza di un buon Padova e raggiunge il terzo posto. Gran regia di Giannini (ha anche colpito un palo) e straordinaria prestazione del brasiliano.

Inserto Roma&Lazio:
MAZZONE: HO RIVISTO LA SQUADRA DEL DERBY. "Non abbiamo mai mollato. Giannini ok nel nuovo ruolo. La squadra ha i mezzi per centrare l'Uefa. Thern? Servirà".

CAPPIOLI 2, LA VENDETTA. "Visto che gol? E adesso che mi sono sbloccato... La mia stagione comincia ora. Se giochiamo così possiamo battere tutti. A Firenze per vincere".
Articolo



La Partita

La Roma vince, torna al terzo posto in classifica, risorpassa la Lazio fermata a Cagliari da un pareggio.
Una buona Roma, che non ha mai perso la testa anche nei momenti in cui non riusciva a trovare gli spazi giusti per il gol, rimanendo sempre concentrata, convinta della propria forza superiore ad un buon Padova che in tutta la partita ha costruito una sola palla gol e per il resto è rimasto in 11 nella propria metà campo.
C'è da dire comunque che dopo pochi secondi dall'inizio della partita c'era un netto fallo da rigore di Lanna che, vistosi scavalcato dal pallone ha colpito con un calcio (forse involontariamente) Vlaovic in pieno stomaco.
I giallorossi hanno più volte tentato il tiro da lontano per scardinare la porta di Bonaiuti e i tiri più pericolosi sono stati di Moriero (tornato su buoni livelli) cui ha risposto di pugno Bonaiuti, Fonseca con un tiro-cross sventato ancora da Bonaiuti e di Giannini che ha centrato il palo.
Nella ripresa mentre la Roma si concedeva un pò di riposo, il Padova è andato vicino al gol con Vlaovic che, trovatosi solo davanti a Cervone, non ha avuto il tempo di calciare con precisione in porta.
Subito dopo la Roma è andata in vantaggio: cross di Fonseca dalla destra e incornata vincente di Aldair.
A questo punto il Padova stende gli ultimi stimoli che aveva e la Roma raddoppia con un gran sinistro di Cappioli.

Il Protagonista

Da "LA ROMA" mensile di attualità sportiva.

Quando c'è lui difficilmente la Roma si abbandona a pericolosi cali di tensione, diventa perforabile come purtroppo era accaduto a Genova e a Torino in coppa Italia.
il lui in questione è "pluto" Aldair, il brasiliano campione del mondo che troppo spesso è "caduto" nella legge del turn-over ed ogni volta giustamente rimpianto dallo stesso allenatore e dai compagni.
Assente contro la Juve ( e purtroppo s'è visto con quella sonora sconfitta che ha compromesso la Coppa), Mazzone lo ha immediatamente richiamato contro il Padova per supportare una difesa che aveva mostrato chiari e dannosi segni di cedimento. Aldair aveva accettato la scelta del tecnico e con la stessa serenità ha ripreso il suo posto.
Protagonista è chi gioca un ottimo calcio, chi segna, ma soprattutto chi sa adattarsi alle necessità dello spirito di gruppo.