logosito STAGIONE 1993 - 1994



CAMPIONATO
logosito


ROMA - ATALANTA

VI GIORNATA
26 Settembre 1993

romacalcio
ROMA
2 - 1

atalantacalcio
ATALANTA



Lorieri 6, Garzja 5, Carboni 6,5, Bonacina 6,5, Lanna 6, Grossi 6, Haessler 7,5, Scarchilli 7,5 (87' Berretta Sv), Balbo 7, Mihajlovic 6,5, Rizzitelli 6

All.: Mazzone
44' Ganz
54' Balbo
65' Haessler

Arbitro: Stafoggia
Ferron 7, Codispoti 5,5 (64' Valentini 6), Tresoldi 6, Minaudo 6, Bigliardi 5,5, Montero 6, Rambaudi 5 (76' Pisani Sv), Magoni 6, Ganz 6,5, Sauzee 6, Scapolo 5,5

All.: Guidolin
A disposizione:
Pazzagli, Benedetti, Comi, Totti

A disposizione:
Pinato, Rodriguez, Perrone

I RISULTATI DI GIORNATA

CLASSIFICA
Cagliari 4 - 1 Lazio
Milan 11
Cremonese 0 - 2 Milan
Parma 9
Inter 2 - 0 Piacenza
Sampdoria 9
Lecce 1 - 1 Juventus
Torino 9
Napoli 2 - 1 Udinese
Inter 8
Reggiana 0 - 0 Foggia
Juventus 8
Roma 2 - 1 Atalanta
Cagliari 7
Sampdoria 1 - 1 Parma
Foggia 6
Torino 2 - 0 Genoa
Napoli 6




Atalanta 5




Cremonese 5




Lazio 5




Roma 5




Genoa 4




Piacenza 4




Reggiana 3




Udinese 3




Lecce 1



"Corriere dello Sport"

In prima pagina:
È TORNATA LA ROMA. Balbo e Haessler fanno felice Mazzone.

VI pagina:
ROMA, UN TEMPO DA LUPI. Sferzati da Mazzone, i giallorossi ribaltano il risultato nella ripresa.

VII pagina:
SCARCHILLI: SI AVVERA UN SOGNO. “Sentire il mio nome gridato dagli amici della curva, che sensazione! Momento stupendo, sono felice. Dedicato a... tutti".

Striscione per Mazzone
I tifosi della Roma hanno deciso di schierarsi dalla parte del loro allenatore

Bandiera sventola
Una bandiera del CUCS sventola in Curva Sud

Fumogeni
Fumogeni in Curva Sud

Tamburi del CUCS
Tamburi, fumogeni e bandiere sventolano nel Commando Ultrà Curva Sud

Striscione per Celestino Colombi
Lo striscione "La morte è uguale per tutti" è apparso nella stessa giornata in tutte le Curve d'Italia e si riferisce alla morte di Celestino Colombi, avvenuta a Bergamo durante una carica della polizia e passata in totale silenzio

La Partita

Per la Roma è tempo di rivincita, di voglia di vincere perchè ha tre punti, ma due partite in casa da disputare: contro Atalanta e Cremonese.
La prima è andata bene, anzi benissimo.
Mazzone ha avuto problemi di formazione perchè era senza Giannini e senza Muzzi. Così ha inserito due giovani dal primo minuto: Grossi e Scarchilli. Quest'ultimo a due minuti dalla fine della gara, quando Mazzone lo ha richiamato in panchina è uscito dal campo con una vera e propria ovazione da parte di tutto lo stadio.
È tornato Haessler e subito alcune persone hanno messo in mezzo vecchie storie: Haessler e Giannini non possono giocare insieme perchè si annullano a vicenda; Giannini oggi non era in campo e Haessler ha fatto una grande partita, ma non perchè mancasse il "principe", loro due insieme giocano a meraviglia.
Nella pagella giallorossa c'è una sola insufficienza, quella di Garzja, che è meritata. Perchè dopo aver dato il vantaggio nerazzurro (liscio clamoroso a centro area con Ganz smarcatissimo), non è riuscito a rientrare nel gioco per paura di sbagliare di nuovo.
La partita.
come già detto l'Atalanta è passata subito in vantaggio sul finire del primo tempo per colpa di uno svarione di Garzja. Fino a quel momento la Romasi era espressa su sufficienti livelli.
Nella ripresa, la riscossa. I giallorossi non ci stanno a perdere e tirano fuori orgoglio e dignità.
Scarchilli, ispiratissimo, serve Balbo a centro area che si libera di sinistro e tira con lo stesso piede: gol.
Continua a premere la Roma che va vicino al raddoppio in un paio di occasioni. Poi l'arbitro Stafoggia concede una punizione dal limite per la Roma.
Si incarica Haessler di batterla. Poco prima lo stesso tedesco dalla stessa posizione aveva impegnato Ferron in un vero e proprio miracolo.
Questa volta però il tedesco tascabile non fallisce spedendo la palla sotto il sette alla destra di Ferron immobile ed incredulo.
Questa botta d'orgoglio serviva proprio alla Roma di questi tempi...

Il Migliore

Da "LA ROMA" mensile di attualità sportiva.

Tutto l'Olimpico in piedi.
Gli applausi affettuosi di Mazzone: è nata la stella Scarchilli, un ragazzo semplice ma già consapevole dei suoi mezzi che non sono pochi. Deciso, puntuale nelle sue giocate, l'ex "primavera" ha dimostrato di essere molto più che un vice-Giannini.