logosito STAGIONE 1993 - 1994



CAMPIONATO
logosito


ROMA - NAPOLI

IV GIORNATA
12 Settembre 1993

biglietto

romacalcio
ROMA
2 - 3

napolicalcio
NAPOLI



Lorieri 5,5, Garzja 6 (73' Scarchilli Sv), Lanna 5, Bonacina 6,5, Comi 5,5, Carboni 5, Haessler 5, Piacentini 6, Balbo 5 (46' Muzzi 5,5), Giannini 6,5, Rizzitelli 6

All.: Mazzone
25' Buso
45' Rizzitelli
52' Di Canio
54' Bonacina
68' Ferrara

Arbitro: Cardona
Espulsi: 89' Piacentini per scorrettezze, 90' Bonacina per fallo da ultimo uomo
Taglialatela Sv (15' Di Fusco 6), Ferrara 6,5, Corradini 6, Gambaro 6, Cannavaro 6,5, Bia 6, Di Canio 6,5 (81' Nela Sv), Bordin 6, Buso 6, Thern 6,5, Pecchia 6

All.: Lippi
A disposizione:
Pazzagli, Benedetti, Berretta

A disposizione:
Policano, Corini, Caruso

I RISULTATI DI GIORNATA

CLASSIFICA
Cagliari 1 - 0 Inter
Milan 7
Cremonese 1 - 0 Lazio
Torino 7
Foggia 1 - 1 Juventus
Parma 6
Milan 2 - 0 Atalanta
Sampdoria 6
Parma 2 - 1 Genoa
Foggia 5
Reggiana 1 - 1 Piacenza
Inter 5
Roma 2 - 3 Napoli
Juventus 5
Sampdoria 2 - 1 Lecce
Atalanta 4
Torino 1 - 0 Udinese
Cremonese 4




Lazio 4




Cagliari 3




Genoa 3




Napoli 3




Roma 3




Udinese 3




Piacenza 2




Reggiana 2




Lecce 0



"Corriere dello Sport"

In prima pagina:
PER LA ROMA È ORA DI PROCESSI. Convocato d'urgenza il vertice societario.

IV pagina:
NAPOLI, TRE SCHIAFFI ALLA ROMA. Mazzone, tanto furore e poco gioco. Paga di più la concretezza di Lippi.

V pagina:
MAZZONE: ABBIATE PAZIENZA. “L'Uefa non si raggiunge dopo 4 giornate. C'è troppa pressione da parte di tutti”.

VI pagina:
GIANNINI: MEGLIO DIMENTICARE. “È il caso di darci una ridimensionata. Molti i problemi da risolvere. Sentiamo la tensione, giochiamo troppo tesi”.
ritaglio giornale

Fumogeni giallorossi
Fumogeni in Curva Sud

Bandieroni giallorossi
Tante bandiere sventolano in Curva Sud

CUCS
Il Commando Ultrà Curva Sud

Bandierone
Il bandierone del CUCS con Braccio di Ferro

La Partita

Non è stato il solito derby del sud, monotono ed incolore; certo, no è stato il massimo, ma almeno 5 gol si sono visti.
I giallorossi erano pronti a riscattarsi dopo la brutta prestazione di Udine, i napoletani venivano dal pareggio col Torino.
Mazzone era stato molto duro durante la settimana con i propri giocatori ed era pronto a lasciare fuori qualche grosso nome. Così è stato perché Mihajlovic è finito in tribuna (senza polemiche). A fine gara i giocatori della Roma si sono giustificati così: “Siamo tesi, abbiamo paura di sbagliare, per questo giochiamo male”.
Ma è possibile che per la tensione Carboni durante tutta la partita abbia azzeccato solo 3 passaggi? Ed Haessler abbia sbagliato tutti i dribbling saltando due o tre avversari al massimo in 90 minuti?
La difesa ancora non è al massimo dell'intesa, ma non si possono lasciare due uomini da soli davanti a Lorieri, anch'egli impacciato per la prima volta in uscita.
E per fortuna che c'è santo Rizzitelli che sul finire del primo tempo è riuscito a pareggiare perché sennò chissà cosa sarebbe successo.
Balbo si è visto solo sullo schermo gigante mentre davano le formazioni perché al quarto d'ora si è scontrato con Taglialatela ed è scomparso dal gioco pur rimanendo in campo con un forte dolore. Nel secondo tempo è rimasto negli spogliatoi.
È anche vero però che la Roma ha avuto anche poca fortuna perché i napoletani hanno fatto due tiri in porta e tutte e due le volte hanno segnato sotto il sette.
Comunque il primo gol del Napoli è stato un vero e proprio orrore difensivo perché 4 giallorossi cercavano di fermare Di Canio lasciando due uomini soli in mezzo all'area e Lorieri sull'uscita ha sbagliato tutto.
Come già detto il pareggio è stato di Rizzitelli sull'unica azione buona della Roma.
Nella ripresa in 2 minuti succede di tutto: prima Lanna, un po' ingenuamente, si fa rubare palla a centrocampo da Di Canio il quale, liberatosi in area, coglie proprio il sette, poi al 9' la Roma batte un calcio d'angolo e sugli sviluppi Bonacina spara da lontano: è il 2-2.
Però la Roma è sfortunata perché al 23' su un cross, Ferrara ha la fortuna di stopparsi la palla con la schiena mettendo fuori causa Lanna e cogliendo di nuove il sette.
Poi ci sono le due espulsioni... ma bisogna continuare?
Il Migliore

Da "LA ROMA" mensile di attualità sportiva.

Daccordo, Di Canio, l'uomo che doveva tenere a bada, gli ha giocato un brutto tiro, ma nella disastrosa gara contro il Napoli Gigi Garzja, al rientro dopo la pausa di Udine, ha dimostrato di avere grande ardore. Ha rincorso molti avversari tamponando situazioni difficili e risultando alla fine tra i più lucidi.