logosito STAGIONE 1993 - 1994



CAMPIONATO
logosito


ROMA - LECCE

XXVIX GIORNATA
27 Marzo 1994

romacalcio
ROMA
3 - 0

leccecalcio
LECCE



Cervone Sv, Garzya 6, Festa 6, Mihajlovic 7 (84' Berretta Sv), Lanna 6, Carboni 6,5, Haessler 6,5, Piacentini 6, Balbo 6, Cappioli 6,5, Rizzitelli 7 (68' Totti Sv)

All.: Mazzone

Arbitro: Quartuccio
Gatta 6, Biondo 5,5, Padalino 5,5, Olive 5,5, Trinchera 5, Melchiori 5, Gazzani 5,5 (56' Erba Sv), Gerson 6 (68' Ingrosso Sv), Russo 5,5, Notaristefano 6, Baldieri 6

All.: Marchesi
A disposizione:
Pazzagli, Comi, Scarchilli

A disposizione:
Torchia, Gumprecht, Barollo



I RISULTATI DI GIORNATA

CLASSIFICA
Caglairi 0 - 1 Juventus
Milan 46
Cremonese 1 - 1 Reggiana
Juventus 39
Inter 1 - 3 Genoa
Sampdoria 39
Napoli 1 - 0 Milan
Lazio 37
Parma 2 - 1 Atalanta
Parma* 37
Roma 3 - 0 Lecce
Napoli 30
Sampdoria 6 - 0 Foggia
Torino 30
Torino 1 - 1 Lazio
Inter 28
Udinese 2 - 2 Piacenza
Cagliari 27




Cremonese 27




Genoa 27




Foggia 27




Piacenza 27




Roma 26




Udinese 23




Reggiana* 22




Atalanta 17




Lecce 11










* Reggiana e Parma una partita in meno



"Corriere dello Sport"

In prima pagina:
ROMAMOR. In sessantamila all'Olimpico festeggiano i 3 gol al Lecce che possono significare salvezza.
Un successo atteso 4 mesi. Mazzone: "Fine di un incubo". Sensi: "Ridurrò ancora i prezzi".

VIII pagina:
ROMA, A FUROR DI POPOLO. Il successo sfuggiva da 14 giornate. Risorge anche Rizzitelli, autore del primo gol. Il raddoppio è firmato da Balbo, poi il sigillo di Cappioli.

Inserto Roma&Lazio:
Il dopo partita di Mazzone, dagli elogi ai giocatori, alla sfida di sabato. E su tutto un grido liberatorio.
"VITTORIA, SEI BELLA!" "Ma quanto t'ho attesa! Abbiamo giocato anche bene. Rizzitelli, ritrovato un leader. Sinisa, grande partita. L'obiettivo minimo è 5 punti. Col Cagliari può essere sorpasso".
articolo

Esultanza
I giocatori esultano per una vittoria attesa 14 giornate

Sciarpata
Sciarpata in Curva Sud

La Curva Sud
In Curva sventolano le bandiere giallorosse



La Partita

Finalmente arriva la tanto sospirata vittoria, gioia che mancava da troppo tempo, 14 giornate da quel Roma-Parma che resterà sicuramente la migliore prestazione giallorossa dell'anno.
È vero, la vittoria è arrivata contro il Lecce ormai retrocesso da tempo, ma era importante una partita che finisse in questo modo. È stata, alla vigilia, anche ricca di tensione perchè non sapevamo come si sarebbero comportati i romanisti in campo, facendo tornare alla mente tristi ricordi (leggi Roma-Lecce 2-3 del 1986).
La Roma si presenta in campo con un Rizzitelli in grande spolvero e proprio lui, al 21' del primo tempo dopo una mischia in area leccese, assesta la zampata vincente insaccando il suo secondo gol stagionale.
Allo scadere del tempo, dopo che Mihajlovic le aveva provate tutte per mettere il suo sigillo in questa partita, ma con scarsa fortuna o bravura di Gatta non ci era riuscito, Balbo raddoppia su sponda di testa di Rizzitelli che invece di essere eogista e cercare la doppietta è stato molto intelligente.
Il terzo gol è stato firmato da Cappioli su colpo di testa susseguente ad una punizione calciata da Mihajlovic.
Verso la mezz'ora del secondo tempo è entrato anche Totti, ma non ha avuto abbastanza occasioni per siglare il suo primo gol in serie A.

Il Migliore

Da "LA ROMA" mensile di attualità sportiva.

Galvanizzato dalla convocazione in nazionale, ma soprattutto stuzzicato da alcune critiche (che l'hanno accusato di essere abulico, quasi mai determinante), Tommasino Haessler contro i pugliesi ha dato un ulteriore saggio della sua classe genuina. Ha spaziato per tutto il campo come un folletto imprendibile.