logosito STAGIONE 1929 - 1930



CAMPIONATO
logosito



LAZIO - ROMA

IX GIORNATA
08 Dicembre 1929



Società Sportiva Lazio
LAZIO
0 - 1
Associazione Sportiva Roma
ROMA



Sclavi, Saraceni II, Bottaccini, Pardini, Furlani, Caimmi, Ziroli, Spivach, Pastore, Malatesta, Sbrana

All.: Piselli
78' Volk

Arbitro: Carraro
Ballante, Barzan, De Micheli, Ferraris, Degni, Carpi, Benatti, Delle Vedove, Volk, Corsanini, Chini Luduena

All.: Burgess

Note:
Dal Littoriale: "Sapevamo che a Roma la maggioranza del pubblico volge le sue simpatie ai giallorossi; credevamo tuttavia che anche gli azzurri avessero larga messe di simpatie. Ci siamo dovuti ricredere: i nove-decimi dell'immenso pubblico che ha gremito lo stadio della Rondinella agitavano bandierine giallorosse, incuorando i beniamini! Si può dire obiettivamente che la Lazio ha giocato... in campo avversario".

Dal Messaggero: "I clamori del pubblico si alzano al cielo, sventolìo di cappelli, di bandierine giallorosse, grida di saluto: i compagni intanto soffocano Volk a furia di abbracci e di strette di mano".




I RISULTATI DI GIORNATA
Ambrosiana 1 - 2 Triestina
Brescia 0 - 2 Torino
Genova 1893 8 - 0 Padova
Juventus 3 - 1 Milan
Lazio 0 - 1 Roma
Livorno 0 - 2 Bologna
Modena 2 - 1 Pro Patria
Napoli 3 - 0 Cremonese
Pro Vercelli 2 - 2 Alessandria

CLASSIFICA
Genova 1893 15
Juventus 14
Alessandria 12
Ambrosiana 11
Bologna 11
Napoli 11
Torino 11
Pro Vercelli 10
Roma 10
Milan 9
Modena 9
Triestina 9
Lazio 8
Pro Patria 6
Brescia 5
Cremonese 4
Livorno 4
Padova 3



Spalti gremiti
Tutta Roma ha presieduto al match Roma-Lazio 1-0. Nella tribuna d'onore (da sin.): S. E. Siriani, S. E. Arpinati, Vittorio, Edda e Bruno Mussolini, l'on. Ferretti, in seconda linea il cav. Corbari (a destra)
Saluto iniziale
Scambio di fiori prima del primo derby della capitale della storia

Ballante devia
Un'acrobatica sviata a corner di Ballante, il portiere della Roma

Degni contiene gli avversari
Degni argina l'attacco della Lazio

Azione di gioco
Azione della Lazio

Ferraris e Ballante
Ferraris e Ballante alle prese con l'insidioso attacco della Lazio

Articolo di giornale\

Roma-Lazio: 1-0
Un pubblico enorme, nonostate il cospicuo aumento dei prezzi, ha affollato gli spalti del campo della Rondinella. Il Roma ha vinto meritatamente una partita che l'aveva visto nettamente prevalente ed ha vinto non per migliore impostazione di squadra e di stile di giuco, ma in virtù della sua classe e dal suo grande spirito combattivo.
La partita non ha certo mostrato agli appassionati un esempio di bel gioco. La grande elettricità dell'ambiente, l'emozione e l'accanimento dei giocatori non lo consentivano. Va tuttavia notato che l'incontro si è svolto non solo senza incidenti, ma anche senza eccessiva durezza. Il gioco frammentario e improvvisato è tornato a tutto vantaggio dei giallo-rossi i quali sfruttano eccellentemente le doti dei singoli uomini, mentre la Lazio, che ha giocato qualche linea al di sotto delle sue precedenti partite, non è riuscita a portare a conclusione le sue combinazioni abbastanza armoniche e ben congegnate. I mediani della Roma, Degni, Carpi e Ferraris, si sono prodigati fino all'esaurimento in un lavoro di arginamento e di marcatura; Barzan, De Micheli e Ballante hanno completato la robustezza della difesa. All'attacco i migliori apparvero Volk e Benatti. Della Lazio hanno emerso Caimmi e il trio estremo.
All'inizio la Roma è partita di scatto su Sclavi. Ma due pericolose azioni portate da Sbrana ammoniscono i sostegni romani di stare in guardia. La Roma torna ad attaccare in prevalenza, ma le reazioni azzurre sono tutt'altro che rare; trovano però una vera diga nella seconda e terza linea giallo-rossa. Il primo tempo termina zero a zero. Tre corners per il Roma.
Nel secondo tempo l'iniziale attacco della Roma è ben contenuto dai laziali che successivamente hanno un buon quarto d'ora di prevalenza. Lentamente però i romani si riprendono; al 32° Volk, ricevuto il pallone da Corsanini, si sposta sulla destra parallelamente al goal, e, sebbene francobollato da Bottaccini, scaglia un bolide che Sclavi non può raggiungere. La Lazio sente la partita sfuggirle, ma non trova lo scatto necessario per riprendersi, sebbene sino alla fine si mantenga in lieve prevalenza. Le squadre:
ROMA: Ballante, Barzan, De Micheli, Ferraris, Degni, Carpi, Benatti, Delle Vedove, Volk, Corsanini.
LAZIO: Sclavi, Saraceni, Bottaccini, Caimmi, Furlani, Pardini, Ziroli, Spivach, Pastore, Malatesta, Sbrana.
Arbitro Carraro.