logosito STAGIONE 1929 - 1930



CAMPIONATO
logosito



ROMA - BRESCIA

V GIORNATA
03 Novembre 1929



Associazione Sportiva Roma
ROMA
2 - 1
bresciacalcio
BRESCIA



Ballante, Corbjons, De Micheli, Ferraris, Degni, Carpi, Benatti, Delle Vedove, Volk, Bernardini, Chini Luduena

All.: Baccani
49' Volk
60' Bernardini
88' Prosperi

Arbitro: Rovida
Peruchetti, Gadaldi, Bonometti, Frisoni I, Scaltriti, Morselli, Giuliani, Moretti, Bianchi, Prosperi, Barbieri

All.: Schoffer

Note: -



I RISULTATI DI GIORNATA
Alessandria 3 - 3 Torino
Ambrosiana 3 - 2 Cremonese
Bologna 1 - 1 Milan
Juventus 6 - 1 Pro Vercelli
Modena 2 - 1 Genova 1893
Napoli 1 - 1 Livorno
Pro Patria 0 - 0 Padova
Roma 2 - 1 Brescia
Triestina 3 - 3 Lazio

CLASSIFICA
Juventus 9
Alessandria 7
Ambrosiana 7
Genova 1893 7
Milan 7
Torino 7
Modena 6
Pro Vercelli 6
Lazio 5
Roma 5
Bologna 4
Napoli 4
Pro Patria 4
Brescia 3
Cremonese 3
Triestina 3
Livorno 2
Padova 1



Turati entra al campo Testaccio
Clicca per vedere il video dell'inaugurazione del Campo Testaccio
Turati entra al campo Testaccio
Turati insieme ad altre personalità inaugura il Campo Testaccio

Benedizione del campo
Benedizione del nuovo campo di gioco della Roma

Gli spalti del Campo Testaccio
Gli spalti del nuovo stadio

La Roma
La Roma allìinaugurazione del nuovo magnifico campo di Testaccio

Il Brescia
Il Brescia sceso in campo contro la Roma

Le squadre insieme
Le squadre al centro del campo per il tradizionale saluto

Respinta di Peruchetti
Respinta del portiere bresciano

Respinta di Peruchetti
Peruchetti svia a corner un insidioso tiro di Volk

Azione di gioco
Il Brescia ricaccia un attacco della Roma

Articolo di giornale\

Roma-Brescia: 2-1
La partita è stata giocata sul nuovo campo di Testaccio. La Roma si presentava in campo largamente incompleta e precisamente priva di Barzan, D'Aquino, Ossoinach e Fasanelli; Benatti poi, dopo appena un quarto d'ora, si scontrava con un avversario e rimaneva a far da comparsa. Il primo tempo fu assai poco animato; nella ripresa la tenace volontà e la classe elevata di Volk, Bernardini e Chini diedero vita ad un gioco d'attacco assai pericoloso. Il successo colto di sorpresa galvanizzò gli altri. Tutta la squadra si risollevà di colpo e rimase fino alla fine in area bresciana costringendo gli azzurri ad un durissimo lavoro.
Della Roma, oltre ai tre citati, sono da notare anche Degni e Ferraris e De Micheli i quali disputarono una ripresa veramente eccellente.
Il Brescia, solido nelle retroguardie, ha una mediana in cui Scaltriti e soprattutto Frisoni temono pochi confronti. L'attacco è veloce, armonico, ma difetta nella fase conclusiva e non avrebbe mai segnato senza l'orgasmo e la precipitazione degli avversari. Giuliani è stato come altre volte il più pericoloso. Nel primo tempo il Brescia aveva una certa prevalenza di attacco che trovava però Ballante imbattibile.
Nella ripresa il trio di sinistra romano imbastiva un gioco alto, tagliano fuori la seconda linea avversaria. Già al quarto minuto Chini, su passaggio di Bernardini, convergeva sul goal e collocava un perfetto pallone sul piede di Volk che libero metteva in rete con un forte tiro raso terra. Al 16° minuto ancora Chini, avuto un allungo alto di Volk, ripassava il pallone al compagno che a sua volta allungava a Bernardini che segnava. Il goal del Brescia veniva al 43° minuto su una fulminea fuga di Giuliani.
Le squadre erano così formate:
BRESCIA: Parrucchetti, Gadaldi, Bonometti, Frisoni, Scaltriti, Morselli, Giuliani, Prosperi, Bianchi, Moretti, Barbieri.
ROMA: Ballante, De Micheli, Corbjons, Ferraris, Degni, Carpi, Benatti, Delle Vedove, Volk, Bernardini, Chini.
Prima della partita S.E. Turati ha inaugurato il campo e Mons. Bertomasi vescovo castrense, lo ha benedetto